Analisi comunicativa sul Covid19

Analisi realizzata attraverso Unity

Prima parte

Seconda parte

Terza Parte

Quarta Parte

  • Come è stata condotta l'analisi
  • Panoramica del contenuto
  • Analisi sugli articoli individuati
  • Analisi sulle testate
  • Analisi sulle categorie tematiche
  • Analisi dei titoli: parole chiave e sentiment
Prima Parte

Introduzione e informazioni sul software

Inizia oggi il nostro appuntamento settimanale che riguarderà il nostro progetto di analisi che ha come tema centrale il Coronavirus.

Tramite il sistema innovativo Unity da noi sviluppato, abbiamo condotto un’analisi comunicativa approfondita su un campione esteso di articoli pubblicati in vari giornali italiani in versione digitale.

Il software Unity è una soluzione che riguarda l’elaborazione e l’analisi di dati e che connette vari tipi di strumenti analitici tra di loro. Si tratta di un sistema pensato appositamente per l’esecuzione di studi statistici. Per maggiori informazioni consultate il link

 La nostra ricerca è incentrata sul tema Coronavirus, e ha lo scopo di approfondire le modalità comunicative che sono state adottate dalle diverse testate online per informare i lettori.

Il periodo di riferimento degli articoli individuati coincide con la fase calante dell’epidemia che ha interessato l’estate del 2020, l’attenuazione delle misure adottate per fronteggiare la situazione di emergenza, la ripartenza di eventi e attività precedentemente sospesi. Tuttavia, nel campione sono presenti, seppur in minor numero, anche articoli pubblicati tra febbraio e maggio, nei mesi iniziali dello scoppio dell’epidemia in Italia.

A partire dal sostanzioso campione di 9701 articoli, individuati grazie alle potenzialità di Unity, abbiamo eseguito un’attenta selezione per risalire agli articoli di nostro interesse ed esaminarli nel dettaglio.

Più nello specifico abbiamo esaminato le testate giornalistiche nello specifico e le categorie tematiche dominanti degli articoli che riportano notizie sul virus, nonchè la loro lunghezza in termini di caratteri. Inoltre, abbiamo analizzato i titoli, il loro tono e le parole chiave più utilizzate.

Continuate a seguirci per saperne di più. La prossima settimana parleremo della distribuzione degli articoli per testata e della loro lunghezza.

Seconda Parte

Analisi delle testate

Proseguiamo con la seconda parte della nostra analisi comunicativa riguardante il Coronavirus che interessa in particolare il campione di articoli individuato e le testate giornalistiche.
Per avere più informazioni riguardo al progetto di analisi svolto grazie le potenzialità del nostro software innovativo Unity cliccate qui.

Gli articoli digitali tra quelli raccolti che trattano la tematica del Coronavirus sono 1129 sul totale dei 9701 che appartengono al campione di partenza. Questa selezione presenta articoli pubblicati tra marzo e luglio 2020; il numero più sostanzioso di articoli individuati interessa però i mesi di giugno e luglio.

L’insieme degli articoli individuati comprende 262 articoli correlati, che riguardano argomenti molto vicini a quello del Coronavirus o eventi che ne rappresentano le conseguenze.

Sui 67 giornali in versione digitale autori degli articoli che fanno parte del campione di articoli che trattano il tema Covid, 45 sono giornali locali e 17 giornali nazionali.

Seguono:

  • AdnKronos con 44 articoli (4%)
  • Today con 41 articoli (3%)
  • Lombardia News con 37 articoli (3%)
  • Il Giornale con 33 articoli (3%)
  • Meteo Web con 32 articoli (3%)
  • Il Fatto Quotidiano con 30 articoli (3%)
  • Prima con 25 articoli (2%)
  • Il Sole 24 Ore con 19 articoli (2%)
  • Altri giornali (tra cui Il Cittadino, Milano Post, Libero Quotidiano, il Giornale dei Navigli, Metro News e vari) che insieme costituiscono i restanti 144 articoli (13% sul totale)

 

Analizzando inoltre la lunghezza degli articoli il cui testo risulta ad oggi rilevabile (1107 articoli sul totale) abbiamo riscontrato che il 50% di essi sono articoli brevi, il 30% sono articoli di media lunghezza, e il rimanente 20% è composto da articoli approfonditi.

In aggiunta sono presenti articoli di 3 riviste specializzate e 2 blog. Escludendo gli articoli pubblicati da questi ultimi (7%), sul totale dei 1129 articoli 598 (53%) sono stati pubblicati da testate locali, mentre 457 articoli (40%) da giornali nazionali.
Da sottolineare la presenza di articoli delle agenzie stampa Adkronos e Ansa.

Tra le 67 testate per cui sono stati raccolti gli articoli, quelle per cui abbiamo individuato il maggior numero di articoli che riportano notizie riguardanti il Coronavirus sono: il Corriere con 376 articoli (33%), 329 dei quali appartenenti a edizioni locali e blog interni, Ansa con 211 articoli (19%) e La Repubblica con 137 articoli, 52 dei quali fanno parte di edizioni locali, blog e riviste (12%).

Il prossimo appuntamento riguarderà l’analisi delle categorie tematiche che interessa il campione di articoli. Continuate a seguirci per scoprire altre informazioni sul nostro progetto di analisi.

Terza parte

Le categorie tematiche

Proseguiamo oggi con la terza parte della nostra analisi comunicativa riguardante il Coronavirus che interessa in particolare le categorie tematiche degli articoli che fanno parte del campione individuato.
Per avere più informazioni riguardo al progetto di analisi svolto grazie le potenzialità del nostro software innovativo Unity clicca qui.

Gli articoli che trattano il tema Coronavirus sono prevalentemente articoli di cronaca; si tratta di 692 articoli sul totale dei 1129 articoli rilevati (61%). Seguono gli articoli che riguardano le categorie:

  • “economia e lavoro” che ne comprende 138 (12%),
  • “arte, cultura e spettacolo” con 92 articoli (8%),
  • “salute e benessere” con 44 articoli (4%)
  • “politica” con 36 articoli (3%)
  • “esteri” con 32 articoli (3%)
  • “sport” con 29 articoli (3%)
  • “scuola” con 24 articoli (2%)
  • “tecnologia” con 22 articoli (2%)
  • “motori” con 20 articoli (2%)

Gli articoli appartenenti alla categoria “Economia e lavoro” affrontano in particolare temi come quello dei finanziamenti e le donazioni pianificati per affrontare la crisi indotta dall’emergenza Coronavirus; tra questi il rinomato Recovery Fund. La restante parte degli articoli riguarda lo smartworking e conseguenze economiche della pandemia.

Per quanto riguarda, invece, la categoria “Arte, cultura e spettacolo”, la maggior parte degli articoli interessa eventi e spettacoli che sono stati rinviati, annullati o svolti in modalità differenti causa Covid, e la riapertura di musei, biblioteche.

Un notevole numero di articoli interessa invece i cosiddetti bollettini, ovvero gli articoli che hanno un focus sui numeri che interessano la pandemia, come i contagi, i decessi, i tamponi. Per l’esattezza, sui 1129 articoli riguardanti il virus, 212 (19%) fanno parte di questa categoria.
I dati a cui viene dato più rilievo sono decisamente quelli che riguardano i contagi e i decessi. Ciò emerge in particolare dai titoli per i relativi articoli, che quasi in tutti i casi richiamano più di un dato. La combinazione più utilizzata è quella che riporta casi positivi e decessi. Più in dettaglio, sui 163 titoli rilevati che riguardano i bollettini, 132 (81%) fanno riferimento in modo non esclusivo ai nuovi casi positivi e 70 (43%) contengono le parole chiave “decessi”, “morti” e “vittime”; solamente 9 titoli si riferiscono anche ai tamponi; pochi i titoli che danno rilievo ai guariti, solo 4 sul totale.

La prossima news riguarderà l’analisi che abbiamo eseguito sui titoli degli articoli. Continuate a seguirci per scoprire altre informazioni sul nostro progetto di analisi.

Quarta parte

Sentiment e parole chiave

Oggi terminiamo con l’ultima parte della nostra analisi comunicativa riguardante il Coronavirus che interessa in particolare i titoli degli articoli che fanno parte del campione individuato.

A partire dal campione di 9701 articoli rilevati tramite il software Unity, abbiamo raccolto le parole chiave più importanti che riguardano l’epidemia in modo da ricercarle nei titoli e indagare sulla loro presenza.

 

Sono stati individuati 772 titoli contenenti almeno una delle parole chiave.
Le parole più utilizzate per definire il virus sono: “Coronavirus”, presente in 273 titoli (35% sul totale); “Covid”, utilizzata in 217 titoli (28%); “Covid-19”, presente in 46 titoli (6%); nessuna traccia, invece, dell’acronimo più tecnico “Sars-Cov-2”.
Morti” è la terza parola chiave più utilizzata, facente parte di 64 titoli (8%), seguita da “mascherina” che appare anch’essa in altri 64 titoli (8%).
Il quinto termine più frequente nei titoli è “contagi” che fa parte di 48 (6%) titoli.
Molto rara, invece, la presenza delle parole chiave “cura”, “vaccino”.

Sugli stessi titoli è stata eseguita un’analisi che riguarda il tono.
Da questa risultano:
– 161 titoli allarmisti.
– 482 titoli neutri.
– 129 titoli positivi, rassicuranti.

Tra i titoli allarmisti, la maggioranza è rappresentata da notizie di nuovi contagi. Dall’altro lato, i titoli positivi e rassicuranti descrivono in particolare l’assenza o il calo di contagi in diverse zone d’Italia in estate e la ripartenza di attività.

Questo è il nostro ultimo appuntamento con il progetto di comunicazione riguardante il Coronavirus svolto grazie alle potenzialità del nostro sistema Unity.
Cliccate qui per avere maggiori informazioni